Interviste

Sul sito Hilliman Curtis potete trovare una lista di video interviste veramente interessanti a personaggi quali Milton Glaser, Stefan Sagmeister e David Carson, solo per citarne alcuni.
(Da corvitto)

(Fonte img design museum)
Sagmeister

Ki-ken-tai

“Un colpo nel kendo è valido essenzialmente se sussistono tre condizioni fondamentali: ki-ken-tai, ossia vigore-spada-corpo (o postura).

Diversamente dalla scherma, in cui è sufficiente toccare l’avversario, il kendo richiede che un colpo ricada non solo sull’obiettivo valido ma nasca, scaturisca naturalmente, dalla combinazione di una corretta postura, di un colpo portato con tecnica, e soprattutto dalla “vittoria” dello spirito, del proprio vigore, sull’avversario. Questo è il concetto più difficile da padroneggiare, ma è anche ciò che ripaga un buon kendouka di lunghe e faticose ore di esercizio (keiko).

Ki-ken-tai è la bellezza di un istante, è ciò che appare e scompare ma determina la vittoria.”

Tratto da Quattro parole sul kendodi Furio Detti
(3 luglio 2002)

(Fonte img wikimedia commons)
Kendomen

The Hurricane Poster Project

L’AIGA partecipa alla raccolta fondi per le popolazioni vittime dell’uragano Katrina con il progetto The Hurricane Poster Project.  Sul sito potrete acquistare i poster realizzati e prodotti da 149 i grafici (per il momento) che hanno aderito all’iniziativa. L’obiettivo dell’AIGA è quello di raccogliere almeno 1 milione di dollari da donare alla Croce Rossa americana.
(Da SDZ)

12

Quattrocchi eroe?

Prima pensavo che Quattrocchi fosse solo un mercenario. Oggi tutti dicono che non è così, che è stato un eroe, morto nell’adempimento del suo dovere. Che va onorato e ricordato.

Non so più cosa pensare… nella migliore delle ipotesi è solo una delle tanti morti sul lavoro. Anche lui è un numero da aggiungere alla lunga lista degli incidenti avvenuti nei cantieri e nelle fabbriche.

Ma allora perchè un premio solamenete a lui? Forse chi accetta di andare a difendere con le armi gli interessi di una azienda privata in un paese in guerra è migliore di un muratore che cade da un’impalcatura?

Ci deve essere sicuramente qualcosa di più eroico, ma non riesco a vederlo.

http://ilgiorno.quotidiano.net/2006/03/20/pages/artI5408168.html