Lieve

Selected

Posted in artigianato, Asia, Carta, Cucina, Design, Ecologia, Interni, Japan, Riferimento idee, Selected by Kuka on dicembre 29, 2010

Wasara — stoviglie monouso completamente biodegradabili, realizzati con carta prodotta senza utilizzare alberi. Sono state disegnate dal giapponese Shinichiro Ogata.

Siwa — sono dei prodotti disegnati dal giapponese Naoto Fukusawa. Apparentemente fatti di carta sono in realtà prodotti con un materiale chiamato Soft Naori: un tipo di carta sviluppata dalla ditta giapponese Onao molto resistente sia allo strappo che alla acqua. Le sue caratteristiche fisiche sono date  dalla fibra di legno e il polyoefin lavorati secondo il metodo tradizionale di produzione washi. La Siwa bag si può acquistare on-line sul sito del Design Museum di Londra o da Passaggiomilano.

High Line NYC

Posted in Architettura, Da vedere, Design, Ecologia, Riferimento idee by Kuka on giugno 24, 2009

High Line è una sopraelevata ferroviaria in disuso di New York lunga 2,33Km, che il sindaco Micheal Bloomberg sta trasformando in una via verde pedonabile.

Articolo La Repubblica

highline01
highline02

ULTRa

Posted in 3D, Architettura, Da vedere, Design, Ecologia, Riferimento idee, Selected, Tecnologia by Kuka on giugno 19, 2009

All’aeroporto londinese di Heathrow stà per entrare in funzione ULTRa, un avveniristico sistema di trasporto personale che sostituirà nel prossimi anni le navette interne.
Questi taxi elettrici possono ospitare fino 4 passeggeri oltre a bagagli, bici e carrozzine. Sono totalmente automatizzati e una volta saliti basterà scegliere la destinazione per essere trasportati, attraverso le strade dedicate alla loro circolazione, a terminal, alberghi, uffici, parcheggi, ecc.
Il sistema scelto è considerato più economico dei mezzi tradizionali di trasporto e più rispettoso dell’ambiente.

Articolo Time
PDF presentazione progetto
Venturtehree – studio inglese che partecipa al progetto

BAAwp
BAA2wp

Infografica GE

Posted in Design, Ecologia, GD, Infografica, Risorse, web by Kuka on marzo 14, 2009

Infografica sul risparmio energetico di GE.

smartgrid-wp

Greenpeace

Posted in Adv, Design, Ecologia, Japan by Kuka on gennaio 8, 2009

Campagna pubblicitaria contro la caccia alle balene, realizzata dalla Leo Burnett per Greenpeace.

greenpeace-wp21

greenpeace-wp11

Not all traditions deserve to be preserved. Put an end to whaling in Japan.

(Da I Believe in Avertising)


Cohousing

Posted in Approfondimenti, Ecologia, Riferimento idee by Kuka on settembre 16, 2008

Cohousing è il termine usato per identificare le piccole comunità residenziali che decidono volontariamente di mettere in condivisione spazi di servizio e ricreazione, impegnandosi a gestirli comunitariamente. La scelta di questo modello virtuoso di abitare agevola la socializzazione e la cooperazione, favorendo il risparmio energetico e diminuendo l’impatto ambientale. Il cohousing è nato in Scandinavia alla fine degli anni ’60 e si è diffuso progressivamente negli Stati Uniti e in tutta l’Europa.

Le 10 caratteristiche più comuni del cohousing – Ogni progetto di cohousing ha una storia diversa e proprie caratteristiche, ma vi sono anche molti tratti in comune:

  1. Progettazione partecipata
    I futuri abitanti partecipano direttamente alla progettazione del “villaggio” in cui andranno ad abitare scegliendo i servizi da condividere e come gestirli
  2. Vicinato elettivo
    La comunità di cohousing sono elettive: aggregano persone dalle esperienze differenti, che scelgono di formare un gruppo promotore e si condolidano con la formazione di una visione comune condivisa.
  3. Comunità non ideologiche
    Non ci sono principi ideologici, religiosi o sociali alla base del formarsi di comunità di coresidenza, così come non ci sono vincoli specifici all’uscita dalla stessa
  4. Gestione locale
    Le comunità di cohouser sono amministrate direttamente dagli abitanti, che si occupano anche di organizzare i lavori di manutenzione e della gestione degli spazi comuni.
  5. Struttura non gerarchica
    Nelle comunità di co-housing si definiscono responsabilità e ruoli di gestione degli spazi e delle risorse condivise (in genere in relazione agli interessi e alle competenze delle persone) ma nessuno esercita alcuna autorità sugli altri membri; le decisioni sono prese sulle base del consenso
  6. Sicurezza
    Il cohousing offre la garanzia di un ambiente sicuro, con forme alte di socialità e collaborazione, particolarmente idoneo per la crescita dei bambini e per la sicurezza dei più anziani
  7. Design e spazi per la socialità
    Il design degli spazi facilita lo sviluppo dei rapporti di vicinato e incrementa il senso di appartenenza ad una comunità
  8. Servizi al valore aggiunto
    La formula del co-housing, indipendentemente dalla tipologia abitativa, consente di accedere, attraverso la condivisione, a beni e servizi che per il singolo individuo hanno costi economici alti
  9. Privacy
    L’idea del co-housing permette di coniugare i benefici della condivisione di alcuni spazi e attività comuni, mantenendo l’individualità della propria abitazione e dei propri tempi di vita.
  10. Benefici economici
    La condivisione di beni e servizi consente di risparmiare sul costo della vita perché si riducono gli sprechi, il ricorso a servizi esterni, il costo dei beni acquistati collettivamente.
    (Dal sito del cohousing.it)

Sul sito cohousing italia potrete trovare approfondimenti, esperienze nel mondo e progetti realizzati ed in corso in Italia www.cohousing.it

Guerrilla gardening, community garden e balconi orti

Posted in Approfondimenti, Ecologia, Riferimento idee by Kuka on luglio 18, 2008

La voglia di spazi verdi nelle città ha fatto nascere una moltitudine di gruppi che chiedono tramite l’azione diretta più verde nella nostre città. Dal più radicale movimento di Guerrilla Gardening, che compie azioni di “giardinaggio politico”, ai Community Garden dei paesi anglosassoni, una sorta di evoluzione dei nostri vecchi orti sociali in cui gruppi di persone creano e curano orti o giardini pubblici, fino ai più semplici balconi orti, sempre più popolari anche in Italia.

Community Garden – Il nostro orto antirecessione (articolo Dweb)
Community Garden – Libro Loisaida: NYC community gardens
Balconi orti – Italiani, popolo di coltivatori (sul balcone!)

Ciclocartografia partecipata

Posted in Bici, Ecologia, Politica e informazione, Risorse by Kuka on gennaio 21, 2008

Segnalo a tutti i poveri ciclisti milanesi (e non…) due ottimi siti di “ciclocartografia partecipata”: il primo è il Criticalmap, mentre il secondo è PisteCiclabili.com su cui si sta creando un interessante banca dati delle piste presenti sia in città che fuori porta.
(Da Ecoblog)

pc-01wp.jpg

Locavori e prodotti a Km zero

Posted in Ecologia, Politica e informazione, Riferimento idee by Kuka on gennaio 9, 2008

Nato da un gruppo a San Francisco i locavori, sono persone che hanno trovato un modo molto concreto (e alla portata per abbattere l’emissione di gas serra), consumare solo prodotti stagionali prodotti vicino a dove si acquistano e consumano. Degli “ecomangiatori” che con la loro idea hanno favorito lo svilupparsi di un rete di negozi prodotti locali.
Anche da noi si sta muovendo qualcosa e grazie alla Coldiretti sta nascendo una rete di vendita di prodotti a Km zero.

Per approfondire:
DWeb
Newsfood.com

659424106_3e46610e71_o-wp.jpg

 

 

30per cento

Posted in Ecologia by Kuka on ottobre 11, 2007

Dal sito dell’ENI, 24 semplici consigli per risparmiare fino al 30% sui costi energetici annui.

In casa: piccoli gesti quotidiani

01 – Non lasciare gli elettrodomestici in stand-by
02 – Usare lampadine a basso consumo
03 – Installare i riduttori di flusso dell’acqua
04 – Installare valvole termostatiche sui termosifoni
05 – Usare la lavatrice a temperature basse (40/60°C)
06 – Usare la lavastoviglie solo a pieno carico
07 – Isolare il cassonetto degli avvolgibili
08 – Non utilizzare l’asciugatura ad aria calda nella lavastoviglie

Risparmiare acquistando apparecchi efficienti

09 – Sostituire il vecchio frigorifero con uno nuovo più efficiente
10 – Sostituire la vecchia lavatrice con una nuova più efficiente
11 – Sostituire lo scaldabagno elettrico con uno a gas
12 – Scegliere una caldaia più efficiente

La regolazione della temperatura

13- D’inverno tenere in casa una temperatura di 20° C
14 – D’estate ridurre l’uso del condizionatore in casa
15 – Usare correttamente l’aria condizionata in auto

Alla guida

16 – Mantenere una velocità moderata in autostrada
17 – Mantenere un’andatura regolare in città
18 – Utilizzare le marce alte
19 – Evitare di riscaldare il motore a veicolo fermo

Piccola manutenzione dell’auto

20 – Controllare la pressione dei pneumatici almeno una volta al mese
21 – Scegliere pneumatici “Fuel Saver”
22 – Scegliere lubrificanti “Fuel Economy”
23 – Non utilizzare accessori che penalizzino l’aerodinamica dell’auto
24 – Evitare carichi superflui in auto

Scarica la brochure in PDF.

30percento.jpg